L'Alto Lario offre l'opportunità di immergersi nella natura e percorrere alte vie di grande soddisfazione. Con due giorni di trekking energico uniremo in un lungo anello la suggestiva Alta Via del Lario con la panoramica Via dei Monti Lariani. Accolti dal Rifugio San Jorio, gestito dai volontari del movimento Operazione Mato Grosso.

Trekking 2 gg

Sab 15 - Dom 16 giugno 2024

Garzeno (CO), Lago di Como

Trekking di più giorni

Livello
Alto / Energy

Iscrizioni aperte

Le iscrizioni chiudono il 7 giugno 2024

  • Dislivello: 2.600 in 2 gg

  • Sviluppo: 38 km in 2 gg

  • Difficoltà: Il trekking si svolge lungo sentieri per lunghi tratti impegnativi, per escursioni esperti, anche con passaggi esposti e pendenze importanti.
    Si richiede ottimo allenamento e abitudine a camminare molte ore al giorno, per più giorni.

  • Attrezzatura necessaria: (a questo link i consigli per Abbigliamento e Attrezzatura)
    scarponi da trekking OBBLIGATORI
    – zaino da trekking da almeno 30 lt
    – bastoncini, piumino, guscio per vento e pioggia, luce frontale
    – per la notte: sacco lenzuolo, asciugamano, accessori bagno

  • Pasti: pranzi al sacco, cena e colazione in rifugio

  • Inizio escursione: sabato 15 giugno ore 9.00 a Garzeno (CO)

  • Fine escursione: domenica 16 giugno ore 17.00 (chiusura dell’anello sullo stesso luogo della partenza)

  • Alloggio: Trattamento di mezza pensione Rifugio San Jorio: https://www.rifugiosjorio.it

  • Partecipanti: 4 min, 8 max

  • Guida: Marco Servettini

  • Costo:  140 € totale : 90 € accompagnamento + 50 € trattamento mezza pensione (da riconoscere direttamente al Rifugio)

  • Pagamento: Saldo 90 € alla conferma (max. entro venerdì 7 giugno 2024)
    Modalità: Contanti, Bonifico, Satispay

  • Costi Extra: Viaggio, pranzi, bevande al rifugio sono a carico diretto dei partecipanti

  • Assicurazioni: RC della guida; Infortuni Clienti; Recupero di soccorso

Descrizione

Un trekking di grande soddisfazione, nella natura incontaminata
Ad esplorare luoghi e ammirare paesaggi dell’Alta Via del Lario

Ma non troveremo solo natura selvaggia: saremo accolti dall’ospitalità del Rifugio San Jorio,
e dai suoi volontari che oltre a dedicare il loro impegno nel movimento Operazione Mato Grosso,
mettono tanta passione anche per queste montagne e per chi viene a conoscerle.

A CHI SI RIVOLGE: camminatori allenati che vogliono crescere, mettersi in gioco, esplorare spazi incontaminati e poco frequentati
Si richiede un buon livello di forma fisica e abitudine a camminare molte ore su terreni di montagna. I percorsi proposti presentano difficoltà EE (Escursionisti Esperti), con passaggi su pendii ripidi e per brevi tratti esposti (mai con difficoltà rilevanti).
Affronteremo il percorso con un passo costante e deciso, ma mantenendo ritmi adeguati al gruppo, per porre le dovute attenzioni nei passaggi più impegnativi, e per godere il fascino della natura che incontreremo.

PROGRAMMA

1° giorno di trekking: Da Garzeno al Rifugio San Jorio
Lunghezza: 18 km, Dislivello: 1.500 mt d+, 600 mt d-
Partendo da Garzeno, nella Valle di Albano, faremo un bel tratto panoramico della Via dei Monti Lariani fino a passare nella Valle di San Jorio. Al borgo di Belmonte lasciamo la Via dei Monti Lariani e ci immettiamo sul sentiero più impegnativo dell’Alto Lario Occidentale, per salire fino a San Jorio.
Nel percorso godremo la vista su due Valli diverse e affascinanti, e sopratutto avremo dalla nostra il panorama sul Lago di Como e sulla Valtellina.
Alla sera ci aspetta una bella cena tradizionale, meritata dopo il dislivello di questo primo giorno, e poi ci godiamo il tramonto che sul Passo di San Jorio si proietta dal lato Svizzero.

2° giorno di trekking: Dal Rifugio San Jorio per l’Alta Via del Lario e rientro
Lunghezza: 21 km, Dislivello: 1.000 mt d+, 1.800 d-
Dopo esserci caricati con l’alba che illumina il Lago di Como, ci aspetta la tappa impegnativa sull’Alta Via del Lario, che nella sua completezza parte da San Bartolomeo sopra Sorico e termina a Breglia, oltre il Monte Bregagno. Passeremo sotto il filo di cresta della bellissima catena che unisce il Pizzo di Gino – 2.245 mt, la Cima Pianchette – 2.167 mt, il Monte  Tabor – 2.080 mt, e il Monte Marnotto – 2.088 mt.
Scenderemo quindi nella Valle di Albano, per chiudere il nostro grande anello.
Ultimo strappo, e siamo alla meritata birra nel bar del borgo di Catasco, dove sembra che il tempo si sia fermato.

Condividi questa promozione